52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Ictus e sanguinamento nella fibrillazione atriale con nefropatia cronica


Sia la fibrillazione atriale sia la nefropatia cronica aumentano il rischio di ictus e di tromboembolismo venoso.
Tuttavia, questi rischi e gli effetti del trattamento antitrombotico non sono stati valutati a fondo in pazienti che presentano entrambe le condizioni.

Utilizzando i registri nazionali danesi, sono stati identificati tutti i pazienti dimessi dall’ospedale con una diagnosi di fibrillazione atriale non-valvolare tra il 1997 e il 2008.

Il rischio di ictus o di tromboembolismo sistemico e sanguinamento associati a nefropatia cronica non in fase terminale e a nefropatia cronica in fase terminale ( cioè malattia che richiede terapia di sostituzione renale ) è stato stimato utilizzando analisi di regressione di Cox tempo-dipendenti.

Inoltre, gli effetti del trattamento con Warfarin ( Coumadin ), Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) o entrambi in pazienti con nefropatia cronica sono stati confrontati con gli effetti nei pazienti senza malattia renale.

Dei 132.372 pazienti inclusi nell’analisi, 3.587 ( 2.7% ) mostravano nefropatia cronica non-in-fase terminale e 901 ( 0.7% ) necessitavano di terapia di sostituzione renale al momento dell’inclusione.

Rispetto ai pazienti senza malattia renale, quelli con nefropatia cronica non-in-fase terminale hanno mostrato un aumento del rischio di ictus o di tromboembolismo sistemico ( hazard ratio, HR=1.49; P inferiore a 0.001 ), così come quelli che necessitavano di terapia di sostituzione renale ( HR=1.83; P inferiore a 0.001 ); questo rischio è diminuito in modo significativo in entrambi i gruppi di pazienti con Warfarin ma non con Acido Acetilsalicilico.

Anche il rischio di sanguinamento è risultato superiore tra i pazienti con nefropatia non-in-fase terminale o che necessitavano di terapia di sostituzione renale, ed è aumentato ulteriormente con Warfarin, Acido Acetilsalicilico o entrambi.

In conclusione, la nefropatia cronica è risultata associata a un aumento del rischio di tromboembolismo sistemico e sanguinamento tra i pazienti con fibrillazione atriale.

Il trattamento con Warfarin è risultato associato a una diminuzione del rischio di ictus o di tromboembolismo sistemico nei pazienti con malattia renale cronica, mentre Warfarin e Acido Acetilsalicilico sono risultati associati a un aumento del rischio di sanguinamento. ( Xagena2012 )

Olesen JB et al, N Engl J Med 2012; 367: 625-635


Cardio2012 Neuro2012 Nefro2012 Farma2012


Indietro