FibrillazioneAtriale.net

Fibrillazione atriale

Le complicazioni tromboemboliche rimangono uno dei più gravi eventi avversi associati con l’ablazione transcatetere della fibrillazione atriale, ma i dati su tali eventi sono limitati. Lo scopo di ...


Il rischio di infarto miocardico acuto ( IMA ) nei pazienti con fibrillazione atriale con un punteggio CHA2DS2-VASc di 0 ( per gli uomini ) o 1 ( per le donne ) non è stato studiato. Ricercatori h ...


La fibrillazione atriale è una comune causa di ictus in forma grave ma potenzialmente prevenibile. Le stime della prevalenza di fibrillazione atriale nei pazienti con ictus variano considerevolmente ...


Il meccanismo alla base dell'associazione tra fibrillazione atriale e declino cognitivo in soggetti privi di ictus non è ben definito. È stata esaminata l'associazione tra fibrillazione atriale inci ...


Le attuali linee guida raccomandano almeno 24 ore di monitoraggio elettrocardiografico ( ECG ) dopo un ictus ischemico per escludere la fibrillazione atriale. Tuttavia, non sono state stabilite la d ...


La fibrillazione atriale è l'aritmia sostenuta più comune; tuttavia, poco si sa circa i pazienti in un contesto di assistenza primaria nei Paesi ad alto, medio e basso reddito. Il registro prospetti ...


Tra i pazienti con pacemaker impiantabili e defibrillatori, la fibrillazione atriale subclinica è associata a un aumentato rischio di ictus; tuttavia, vi è una comprensione limitata della relazione te ...


L’incidenza di fibrosi atriale sinistra è elevata nei pazienti con fibrillazione atriale. Una estesa fibrosi del tessuto atriale individuata mediante risonanza magnetica per immagini ( MRI ) con capta ...


È stata valutata la sicurezza e la fattibilità della occlusione della appendice atriale sinistra percutanea ( LAAO ) in pazienti con fibrillazione atriale e precedente emorragia intracranica. In un ...


La misura della Troponina-I ad alta sensibilità ( hs-TnI ) migliora la valutazione del rischio per eventi cardiovascolari in molti contesti clinici, ma il valore aggiunto nei pazienti con fibrillazion ...


Le attuali lineeguida raccomandano che la terapia anticoagulante orale sia offerta ai pazienti con fibrillazione atriale e con uno o più fattori di rischio per l’ictus. Inoltre, le lineeguida raccom ...


La perfusione cerebrale e microvascolare è ridotta nella fibrillazione atriale. Il mantenimento della perfusione cerebrale è importante nella malattia acuta e nel decorso di lungo termine. La valutaz ...


Un ridotto volume espiratorio forzato in un secondo ( FEV1 ) e una ridotta capacità vitale forzata ( FVC ) sono stati associati a una maggiore incidenza di malattie cardiovascolari. Tuttavia, non è ...


Uno studio si è posto l’obiettivo di esaminare l'efficacia e la sicurezza della ablazione transcatetere per la fibrillazione atriale nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione co ...


È stato esaminato l'impatto di diverse strategie di ablazione sulla recidiva di fibrillazione atriale e sulla qualità di vita nei pazienti con fibrillazione atriale e flutter atriale coesistenti.Un to ...


La fibrillazione atriale è associata a un aumento della mortalità, ma le cause specifiche di morte e i loro predittori non sono stati descritti tra i pazienti trattati con una efficace terapia anticoa ...


E’ stato analizzato l'impatto delle concentrazioni plasmatiche di Dabigatran, dei dati anagrafici del paziente e dell'uso di Acido Acetilsalicilico ( ASA; Aspirina ) sulla incidenza di ictus ischemico ...


Studi randomizzati hanno mostrato una diminuzione del rischio di emorragia intracranica ( ICH ) con l'uso dei nuovi anticoagulanti orali.Tuttavia, non è chiaro se l' entità del beneficio è simile per ...


Il favorevole effetto dell’olio di pesce ricco di acido grassi polinsanturi Omega-3 ( PUFA ) sullo sviluppo della fibrillazione atriale è controverso. La relazione tra le concentrazioni sieriche di P ...


Il motivo principale per eseguire una procedura di ablazione della fibrillazione atriale è migliorare la qualità di vita dei pazienti eliminando i sintomi causati dalla aritmia. Anche se sono possibil ...


Il ruolo della terapia concomitante con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina; ASA ) nei pazienti con fibrillazione atriale che ricevono una terapia con anticoagulanti orali non è ben definito. È stato va ...


I registri di grandi dimensioni hanno segnalato un rischio di ictus nella fibrillazione atriale sintomatica sia nella forma parossistica sia in quella persistente. La relazione tra fibrillazione atria ...


E’noto che la prevalenza della fibrillazione atriale aumenta con l'età. L’obiettivo di uno studio è stato quello di valutare l'impatto della fibrillazione atriale sugli esiti a 1 anno nei pazienti di ...


Lo studio multicentrico PROTECT AF ( Watchman Left Atrial Appendage System for Embolic Protection in Patients With Atrial Fibrillation ) è stato condotto per determinare se la chiusura percutanea dell ...


L’esito dopo recidiva di fibrillazione atriale in seguito ad ablazione rimane non-ben definito. E’ stato compiuto uno studio per determinare se il tempo alla recidiva di fibrillazione atriale dopo abl ...


Nonostante il chiaro beneficio clinico della terapia anticoagulante orale nella prevenzione dell'ictus nei pazienti con fibrillazione atriale, il presentarsi di eventi emorragici maggiori può avere ef ...


La fibrillazione atriale è frequente nei pazienti con malattia renale cronica. Tuttavia, non è noto l'impatto a lungo termine dello sviluppo di fibrillazione atriale sul rischio di esiti avversi renal ...


Lo studio multicentrico PROTECT AF ( Watchman Left Atrial Appendage System for Embolic Protection in Patients With Atrial Fibrillation ) è stato condotto per determinare se la chiusura della appendice ...


Un basso livello di magnesio nel siero è risultato correlato a un aumento del rischio di fibrillazione atriale dopo chirurgia cardiaca.Non è noto se la ipomagnesiemia predisponga alla fibrillazione at ...


Si è cercato di definire i fattori associati con la insorgenza di ictus e di embolia sistemica in un grande studio internazionale sulla fibrillazione atriale.Nello studio ROCKET AF, 14.264 pazienti co ...


Rimangono poco chiari i benefici a lungo termine della procedura maze nei pazienti con fibrillazione atriale cronica sottoposti a sostituzione della valvola meccanica che continuano ad avere bisogno d ...


L’obiettivo di uno studio di coorte retrospettivo svedese è stato quello di verificare se le donne con fibrillazione atriale fossero associate a un rischio maggiore di ictus rispetto agli uomini. S ...


Una conseguenza importante dei disturbi respiratori nel sonno è l'eccessiva sonnolenza diurna. L’eccessiva sonnolenza diurna è spesso predittiva di una risposta favorevole al trattamento dei distur ...


Studi sperimentali hanno indicato che gli Acidi grassi a lunga catena n-3 polinsaturi ( n-3 PUFA; Omega-3 ) possono ridurre il rischio di fibrillazione atriale.Sono stati confrontati precedenti studi ...


Sia la fibrillazione atriale sia la nefropatia cronica aumentano il rischio di ictus e di tromboembolismo venoso.Tuttavia, questi rischi e gli effetti del trattamento antitrombotico non sono stati val ...


Pochi studi prospettici hanno analizzato l'associazione tra funzionalità renale e rischio di fibrillazione atriale incidente in popolazioni apparentemente sane.Un totale di 24.746 donne parteci ...


Diversi studi hanno riportato che i marcatori infiammatori sono associati a fibrillazione atriale. La conta leucocitaria è un marcatore ampiamente disponibile e ampiamente utilizzato di infiamm ...


La fibrillazione atriale isolata sembra avere una prognosi favorevole a lungo termine. Un interesse significativo è stato rivolto ai fattori che predicono la progressione dell’aritmia, e ...


Secondo le ultime linee guida europee sulla gestione della fibrillazione atriale non-valvolare, tutti i pazienti di età pari o superiore a 65 anni dovrebbero essere trattati con terapia anticoagulante ...


La funzione renale è un noto predittore di morbilità e mortalità cardiovascolare. Sebbene i pazienti con fibrillazione atriale abbiano spesso disfunzioni renali, poco si sa circa l'associazione tra fi ...


La fibrillazione atriale è un'aritmia comune che ricorre frequentemente dopo il ripristino del ritmo sinusale. In una percentuale consistente di casi, le recidive di fibrillazione atriale sono ...


L’ablazione della fibrillazione atriale trova sempre più impiego nella pratica clinica.Uno studio ha valutato la storia naturale e gli esiti a lungo termine della fibrillazione atriale so ...


La malattia renale cronica è stata associata con l'incidenza di malattie cardiovascolari. La malattia renale cronica può anche aumentare il rischio di fibrillazione atriale, ma gli studi ...


La presenza di fibrillazione atriale è correlata ai livelli aumentati di peptidi natriuretici. Inoltre, aumentati livelli del peptide natriuretico sono predittivi dello sviluppo di fibrillazion ...


La fibrillazione atriale è un disturbo comune in pazienti con infarto del miocardio.La fibrillazione atriale non è percepita in genere dai clinici come un evento critico durante la fase acuta dell’inf ...


La progressione della fibrillazione parossistica a forme più sostenute è un fenomeno frequente, tuttavia non tutti i pazienti mostrano tale progressione.In uno studio olandese sono stati ...


La fibrillazione atriale è un'aritmia comune che si presenta frequentemente dopo il ripristino del ritmo sinusale. Identificare i fattori di rischio per la recidiva può aiutare a definir ...


L'obiettivo di uno studio multicentrico è stato quello di valutare la sicurezza della sospensione della terapia anticoagulante orale ( TAO ) dopo apparente successo dell’isolamento della ...


Assieme alle vene polmonari, molte aree di vene extrapolmonari possono essere origine e causa di persistenza della fibrillazione atriale. L'auricola atriale sinistra è un sito, sottovalutato, d ...


Pochi studi hanno valutato la relazione tra peso alla nascita e fibrillazione atriale incidente. Dal 1993 al 2009, sono state seguite in uno studio prospettico 27.982 donne sopra i 45 anni di et&agrav ...



2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer