Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Uso dei biomarcatori per prevedere specifiche cause di morte nei pazienti con fibrillazione atriale


La fibrillazione atriale è associata a un aumentato rischio di morte. La troponina T ad alta sensibilità ( hs-cTN ), il fattore di differenziazione della crescita 15 ( GDF-15 ), NT-proBNP ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ) e i livelli di interleuchina-6 ( IL-6 ) sono predittivi di eventi cardiovascolari e morte cardiovascolare totale in pazienti anticoagulati con fibrillazione atriale.
L'utilità prognostica di questi biomarcatori per la morte causa-specifica è sconosciuta.

Lo studio ARISTOTLE ( Apixaban for the Prevention of Stroke in Subjects With Atrial Fibrillation ) ha randomizzato 18.201 pazienti con fibrillazione atriale con Apixaban ( Eliquis ) o Warfarin ( Coumadin ).
I biomarcatori sono stati misurati alla randomizzazione in 14.798 pazienti ( follow-up mediano di 1.9 anni ).
Sono stati identificate le variabili cliniche e i biomarcatori associati indipendentemente a ciascuna specifica causa di morte.

In totale, 1.272 pazienti sono deceduti: 652 ( 51% ) casi di morte per sanguinamento cardiovascolare, 32 ( 3% ) e 588 ( 46% ) casi di morte non-cardiovascolare / non da sanguinamento.
Tra le morti cardiovascolari, 255 ( 39% ) sono state morti cardiache improvvise, 168 ( 26% ) decessi per insufficienza cardiaca e 106 ( 16% ) decessi per ictus / embolia sistemica.

I biomarcatori erano i più forti predittori di morte causa-specifica: un raddoppio della troponina T è stato più fortemente associato a morte improvvisa ( hazard ratio, HR, 1.48, P minore di 0.001 ), NT-proBNP a morte per insufficienza cardiaca ( HR, 1.62; P minore di 0.001 ) e GDF-15 a morte emorragica (HR, 1.72; P=0.028).

Precedente ictus / embolia sistemica ( HR, 2.58; P maggiore di 0.001 ) seguita da troponina T ( HR, 1.45; P minore di 0.0029 ) sono risultati i fattori più predittivi per la morte da ictus / embolia sistemica.
L'aggiunta di tutti i biomarcatori alle variabili cliniche ha migliorato la discriminazione per ogni morte causa-specifica.

In conclusione, i biomarcatori erano alcuni dei più forti predittori di morte causa-specifica e possono migliorare la capacità di discriminare i rischi dei pazienti per diverse cause di morte.
Questi dati suggeriscono un potenziale ruolo dei biomarcatori per l'identificazione di pazienti a rischio per diverse cause di morte nei pazienti anticoagulati per fibrillazione atriale. ( Xagena2018 )

Sharma A et al, Circulation 2018; 138: 1666-1676

Cardio2018



Indietro