52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Troponina I ad alta sensibilità per la valutazione dei rischi nei pazienti con fibrillazione atriale


La misura della Troponina-I ad alta sensibilità ( hs-TnI ) migliora la valutazione del rischio per eventi cardiovascolari in molti contesti clinici, ma il valore aggiunto nei pazienti con fibrillazione atriale non è stato descritto.

I valori di hs-TnI sono stati analizzati in 14.821 pazienti nello studio ARISTOTLE ( Apixaban for Reduction in Stroke and Other Thromboembolic Events in Atrial Fibrillation ), che ha confrontato Apixaban con Warfarin.

Sono state valutate le associazioni tra concentrazioni di hs-TnI ed esiti clinici. Il test per hs-TnI ha rilevato Troponina ( maggiore o uguale a 1.3 ng/l ) nel 98.5% dei pazienti, il 50% aveva livelli superiori a 5.4, il 25% aveva livelli superiori a 10.1 e il 9.2% aveva livelli superiori o uguali a 23 ng/l ( 99° percentile in individui sani ).

Durante un periodo medio di 1.9 anni di follow-up, i tassi annuali di ictus o di embolia sistemica sono variati da 0.76% nel più basso quartile di hs-TnI al 2.26% nel quartile più alto ( superiore a 10.1 ng/l ).

All'analisi multivariata, hs-TnI è risultata significativamente associata a ictus o a embolia sistemica, hazard ratio rettificato 1.98, P=0.0007.

hs-TnI era significativamente associata anche alla mortalità cardiaca; i tassi annui sono risultati compresi tra 0.40% e 4.24%, hazard ratio, HR=4.52, P minore di 0.0001, nei gruppi corrispondenti, e per sanguinamento maggiore HR=1.44, P=0.0250.

L’aggiunta dei livelli di hs-TnI al punteggio CHA2DS2VASc ha migliorato le c-statistiche da 0.629 a 0.653 per ictus o embolia sistemica, e da 0.591 a 0.731 per morte cardiaca.

Non sono state evidenziate interazioni significative con il trattamento in studio.

In conclusione, la Troponina-I è stata rilevata nel 98.5% ed è elevata nel 9.2% dei pazienti con fibrillazione atriale.
Il livello di hs-TnI è indipendentemente associato a un aumentato rischio di ictus, morte cardiaca e sanguinamento maggiore, e migliora la stratificazione del rischio oltre al punteggio CHA2DS2VASc.
I vantaggi di Apixaban rispetto a Warfarin sono costanti indipendentemente dai livelli di hs-TnI. ( Xagena2014 )

Hijazi Z et al, Circulation 2014; 129: 625-634

Cardio2014 Diagno2014



Indietro