Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Rischio di grave sanguinamento: valore predittivo dei punteggi HAS-BLED e ATRIA nei pazienti con fibrillazione atriale riceventi terapia anticoagulante


Nonostante il chiaro beneficio clinico della terapia anticoagulante orale nella prevenzione dell'ictus nei pazienti con fibrillazione atriale, il presentarsi di eventi emorragici maggiori può avere effetti devastanti.

Il punteggio di rischio di sanguinamento HAS-BLED ( ipertensione, funzione epatica / renale anormale, ictus, storia di sanguinamento o predisposizione, INR labile, essere anziani, impiego concomitante di farmaci e alcol ) è stato descritto la prima volta nel 2010 ed è attualmente consigliato nelle lineeguida europee e canadesi per la stima del rischio di sanguinamento maggiore.

Nel 2011, il gruppo di studio ATRIA ( Anticoagulation and Risk Factors in Atrial Fibrillation ) ha descritto un nuovo schema di rischio di sanguinamento per la fibrillazione atriale, che comprende 5 fattori di rischio ponderati: anemia, grave malattia renale, età uguale o superiore a 75 anni, precedente emorragia e ipertensione.

Uno studio ha valutato il valore predittivo del punteggio ATRIA in un'ampia coorte di pazienti con fibrillazione atriale in terapia anticoagulante, rispetto al ben validato punteggio HAS-BLED.

Sono stati arruolati pazienti consecutivi con fibrillazione atriale in trattamento con la terapia anticoagulante, con un INR compreso tra 2 e 3 durante le precedenti visite cliniche.
Durante il follow-up sono stati valutati eventi emorragici maggiori. Sono stati calcolati entrambi i punteggi di rischio di sanguinamento, come variabili quantitative o come variabili dicotomiche ( rischio basso-moderato versus alto ).

I pazienti inclusi sono stati 937 ( 49% di sesso maschile; età media 76 anni ).

Durante un follow-up medio di 952 giorni, 79 ( 8% ) pazienti hanno presentato un evento importante di sanguinamento [ tasso annuo 3.2% ).

Il punteggio HAS-BLED ha avuto un andamento analogo a quello del punteggio ATRIA come variabile quantitativa ( c-statistico 0.71 vs 0.68, p=0.356 ), mentre era superiore al punteggio ATRIA quando è stato analizzato come una variabile dicotomizzata ( c-statistico, 0.68 vs 0.59, p=0.035 ).

Il punteggio HAS-BLED ha mostrato una significativamente migliore accuratezza predittiva rispetto al punteggio ATRIA ponderato.
I risultati dello studio sono a sostegno dell’utilità del punteggio HAS-BLED rispetto ad altri punteggi di rischio di sanguinamento nei pazienti con fibrillazione atriale trattati con anticoagulanti. ( Xagena2013 )

Roldan V et al, Chest 2013; 143: 179-184

Cardio2013



Indietro