Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Relazione tra invecchiamento e comorbilità incidenti e rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale


Quando si valuta il rischio di ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale, il punteggio CHA2DS2-VASc è calcolato sulla base dei fattori di rischio di base e i risultati sono determinati dopo un periodo di follow-up.
Tuttavia, il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale non rimane statico e, con il tempo, i pazienti invecchiano e accumulano più comorbilità.

Si è ipotizzato che il punteggio Delta CHA2DS2-VASc, che riflette la variazione del punteggio tra il basale e il follow-up, sia più predittivo di ictus ischemico rispetto al punteggio basale CHA2DS2-VASc.

Sono stati studiati in totale 31.039 pazienti con fibrillazione atriale che non hanno ricevuto antipiastrinici o anticoagulanti orali e che non presentavano comorbilità del punteggio CHA2DS2-VASc ad eccezione di età e sesso.
I punteggi Delta CHA2DS2-VASc sono stati definiti come le differenze tra i punteggi CHA2DS2-VASc al basale e al follow-up.

Durante 171.956 anni-persona, 4.103 pazienti hanno presentato un ictus ischemico. L’accuratezza dei punteggi basali, di follow-up e Delta CHA2DS2-VASc nel predire l'ictus ischemico è stata analizzata e confrontata.

Il punteggio medio di base CHA2DS2-VASc è stato pari a 1.29, ed è aumentato a 2.31 durante il follow-up, con un punteggio medio Delta CHA2DS2-VASc di 1.02.
Il punteggio CHA2DS2-VASc è rimasto invariato solo nel 40.8% dei pazienti.
Tra i 4.103 pazienti che hanno sofferto di un ictus ischemico, l'89.4% ha avuto un punteggio Delta CHA2DS2-VASc maggiore o uguale a 1 rispetto a solo il 54.6% in pazienti senza ictus ischemico, e 2.643 ( 64.4% ) pazienti avevano una o più comorbidità di nuova insorgenza, la più comune delle quali era l’ipertensione.

Il punteggio DeltaCHA2DS2-VASc è stato un importante predittore di ictus ischemico che ha mostrato esiti migliori rispetto al basale o al follow-up di CHA2DS2-VASc, come valutato dall'indice C e dall'indice di riclassificazione netto.

In questa coorte di fibrillazione atriale, è stato dimostrato che il punteggio CHA2DS2-VASc non era statico e che la maggior parte dei pazienti con fibrillazione atriale ha sviluppato un nuovo fattore o più di rischio di ictus prima della presentazione di ictus ischemico.
Il punteggio Delta CHA2DS2-VASc, che riflette il cambiamento nel punteggio tra basale e follow-up, è risultato fortemente predittivo di ictus ischemico, riflettendo il modo in cui il rischio di ictus nella fibrillazione atriale è un processo dinamico dovuto all'età crescente e alle comorbilità incidenti. ( Xagena2018 )

Chao TF et al, J Am Coll Cardiol 2018; 71: 122-123

Cardio2018



Indietro