Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Regimi antitrombotici ottimali per i pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a intervento coronarico percutaneo


Il trattamento antitrombotico nei pazienti con fibrillazione atriale e intervento coronarico percutaneo ( PCI ) rappresenta un atto riequilibrante per quanto riguarda il sanguinamento e i rischi ischemici.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di 4 regimi antitrombotici conducendo una meta-analisi di rete aggiornata ed è stato identificato il trattamento ottimale per i pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a procedura PCI.

Sono stati inclusi 5 studi randomizzati ( n=11.542; WOEST, PIONEER AF-PCI, RE-DUAL PCI, AUGUSTUS, ENTRUST-AF PCI ).
In questa meta-analisi di rete sono state utilizzate le linee guida PRISMA ( Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyses ).

L'esito primario di sicurezza era l’emorragia grave secondo TIMI, e l'esito primario di efficacia erano gli eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) definiti dallo studio.

Il numero totale di partecipanti inclusi nello studio è stato di 11.532. L'età media dei partecipanti variava da 70 a 72 anni, il 69-83% era di sesso maschile, il 20-26% era di sesso femminile e i partecipanti erano prevalentemente bianchi ( più del 90% ).

Rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) più la doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) ( riferimento ), gli odds ratio ( OR ) per il sanguinamento maggiore TIMI sono stati 0.57 per gli antagonisti VKA più l'inibitore P2Y12, 0.69 per l’anticoagulante orale non-VKA ( NOAC ) più DAPT e 0.52 per NOAC più l’inibitore P2Y12.

Per MACE, usando gli antagonisti della vitamina K più DAPT come riferimento, gli odds ratio sono stati 0.97 per l'antagonista della vitamina K più inibitore P2Y12, 0.95 per gli anticoagulanti diretti più DAPT e 1.03 per gli anticoagulanti diretti più inibitore P2Y12.

I risultati dello studio hanno indicato che un regime antitrombotico di antagonisti della vitamina K più DAPT dovrebbe essere generalmente evitato, poiché i regimi in cui viene interrotta l'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) possono portare a un minore rischio di sanguinamento e a nessuna differenza nell'efficacia antitrombotica.

L'uso di un anticoagulante diretto più un inibitore P2Y12 senza Aspirina può rappresentare l'opzione di trattamento più favorevole e il regime antitrombotico preferito per la maggior parte dei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a intervento coronarico percutaneo. ( Xagena2020 )

Lopes RD et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 582-589

Cardio2020 Farma2020


Indietro