52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Progressione della fibrillazione atriale parossistica a persistente: correlazioni cliniche e prognosi


La progressione della fibrillazione parossistica a forme più sostenute è un fenomeno frequente, tuttavia non tutti i pazienti mostrano tale progressione.

In uno studio olandese sono stati inclusi 1.219 pazienti con fibrillazione parossistica che avevano partecipato al Euro Heart Survey sulla fibrillazione atriale e avevano uno stato ritmico noto al follow-up.

Sono stati identificati i pazienti che hanno mostrato progressione della fibrillazione atriale dopo 1 anno di follow-up.

La progressione della fibrillazione atriale è stata osservata in 178 ( 15% ) pazienti.

L'analisi multivariata ha mostrato che insufficienza cardiaca, età, precedente attacco ischemico transitorio ( TIA ) o ictus, malattia polmonare cronica ostruttiva e ipertensione erano i soli predittori indipendenti di progressione della fibrillazione atriale.

È stato calcolato il punteggio HATCH.

Circa il 50% dei pazienti con punteggio HATCH maggiore di 5 ha mostrato progressione verso la fibrillazione atriale persistente, rispetto a solo il 6% dei pazienti con punteggio HATCH pari a 0.

Durante il follow-up, i pazienti con progressione della fibrillazione atriale sono stati ricoverati più frequentemente in ospedale, e hanno presentato più eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE ).

In conclusione, un numero sostanziale di pazienti progredisce verso fibrillazione atriale sostenuta entro 1 anno.
L'esito clinico di questi pazienti per quanto riguarda ricoveri ospedalieri ed eventi avversi cardiaci maggiori è risultato meno favorevole se confrontato con quello di pazienti senza progressione della fibrillazione atriale.
Fattori noti per la loro capacità di causare rimodellamento strutturale atriale ( età e malattia cardiaca sottostante ) sono risultati predittori indipendenti di progressione della fibrillazione atriale.
Il punteggio HATCH potrebbe aiutare a identificare i pazienti a maggiore probabilità di progressione verso forme sostenute di fibrillazione atriale. ( Xagena2010 )

de Vos C B et al, J Am Coll Cardiol 2010; 55:725-731



Cardio2010



Indietro