Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Olio di pesce e fibrillazione atriale post-operatoria


La fibrillazione atriale postoperatoria, o il flutter atriale, è una delle complicanze più comuni della chirurgia cardiaca e aumenta in modo significativo la morbilità e la necessità di ricorrere a trattamenti.

Pochi studi di piccole dimensioni hanno valutato se gli acidi grassi n-3 polinsaturi a lunga catena ( PUFA; Omega-3 ) riducono la fibrillazione atriale postoperatoria, e hanno fornito risultati contrastanti.

Per rispondere a questo quesito è stato effettuato lo studio OPERA ( Omega-3 Fatty Acids for Prevention of Post-operative Atrial Fibrillation ).

Hanno preso parte allo studio clinico in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, un totale di 1516 pazienti in attesa di intervento cardiochirurgico in 28 Centri negli Stati Uniti, in Italia e in Argentina, arruolati nel periodo 2010-2012.

I principali criteri di esclusione comprendevano: consumo regolare di olio di pesce o assenza di ritmo sinusale al momento dell'arruolamento.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere olio di pesce ( capsule da 1 g contenenti 840 o più mg di PUFA n-3, come esteri etilici ) o placebo, con un carico preoperatorio di 10 g per 3-5 giorni ( o 8 g per 2 giorni ), seguito, dopo l'intervento, da 2 g al giorno fino alla dimissione dall'ospedale o a 10 giorni dopo l'operazione, a seconda di quale caso si verificasse prima.

La principale misura di esito è stata il verificarsi della fibrillazione atriale postoperatoria di durata superiore a 30 secondi.
Gli endpoint secondari erano la fibrillazione atriale postoperatoria della durata di più di 1 ora, con conseguenti sintomi, o trattamento con cardioversione; fibrillazione atriale postoperatoria escluso il flutter atriale; tempo alla prima fibrillazione atriale postoperatoria; numero di episodi di fibrillazione atriale per paziente; frequenza di ricovero; ed eventi cardiovascolari avversi maggiori, mortalità a 30 giorni, sanguinamento e altri eventi avversi.

Al momento dell'arruolamento, l'età media era di 64 anni; il 72.2% dei pazienti era costituito da uomini, e il 51.8% aveva in programma un intervento di chirurgia valvolare.

L'endpoint primario si è verificato in 233 pazienti ( 30.7% ) assegnati a placebo e in 227 ( 30.0% ) assegnati a PUFA-n-3 ( odds ratio, OR=0.96, P=0.74 ).

Nessuno degli endpoint secondari era significativamente diverso tra il gruppo placebo e il gruppo olio di pesce, inclusa la fibrillazione atriale postoperatoria che era sostenuta, sintomatica o trattata ( 30.5% versus 29.6%; p=0.7 ) o il numero di episodi di fibrillazione atriale post-operatoria per paziente ( 1 episodio: 20.6% vs 20.7%; 2 episodi: 7.8% vs 6.5%; 3 o più episodi: 2.4% vs 2.8% ) ( P=0.73 ).

La supplementazione con PUFA n-3 è stata generalmente ben tollerata, senza alcuna evidenza di aumento del rischio di sanguinamento o di eventi avversi gravi.

In conclusione, in questo ampio studio multinazionale tra pazienti sottoposti a chirurgia cardiaca, l'integrazione perioperatoria con PUFA n-3, rispetto al placebo, non ha ridotto il rischio di fibrillazione atriale postoperatoria. ( Xagena2012 )

Mozaffarian D et al, JAMA 2012; 308: 2001-2011

Cardio2012 Chiru2012 Farma2012


Indietro