52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Intervento coronarico percutaneo e terapia antipiastrinica nei pazienti con fibrillazione atriale in trattamento con Apixaban o Warfarin: studio ARISTOTLE


Sono stati valutati l'uso e gli esiti della terapia antipiastrinica in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) durante lo studio ARISTOTLE.

I pazienti sono stati categorizzati sulla base dell'occorrenza di PCI durante il follow-up ( in media 1.8 anni ); sono stati riportati i dettagli su PCI e gli esiti post-PCI.

Dei 18.200 partecipanti allo studio, 316 ( 1.7% ) sono stati sottoposti a PCI ( 152 nel gruppo Apixaban, 164 nel gruppo Warfarin ).

Al momento della procedura PCI, l'84% ( 267 ) dei pazienti era in trattamento con il farmaco di studio ( Apixaban [ Eliquis ] o Warfarin [ Coumadin ] ).

Di questi, il 19% non ha interrotto il farmaco in studio durante la procedura PCI, il 49% ha interrotto e ha ripreso meno di 5 giorni dopo PCI, e il 30% si è fermato e ha ricominciato il trattamento più di 5 giorni dopo PCI.

A 30 giorni post-PCI, il 35% dei pazienti ha ricevuto una doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ), il 23% ha ricevuto solo Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] e il 13% ha ricevuto solo un inibitore P2Y12; Il 29% non ha ricevuto alcuna terapia antipiastrinica.

La terapia tripla ( DAPT più anticoagulante orale ) è stata utilizzata nel 21% dei pazienti, il 23% ha ricevuto solo anticoagulante orale, il 15% ha ricevuto anticoagulante orale più Aspirina e il 9% ha ricevuto anticoagulante orale più un inibitore P2Y12; il 32% ha ricevuto agenti antipiastrinici senza anticoagulante orale.

Dopo proceduta PCI, i pazienti assegnati ad Apixaban rispetto a Warfarin hanno avuto tassi numericamente simili di emorragia maggiore ( 5.93 vs 6.73 eventi / 100 anni-paziente; P=0.95 ) e ictus ( 2.74 vs 1.84 eventi / 100 anni-paziente; P=0.62 ).

In conclusione, l'intervento coronarico percutaneo è stato effettuato raramente durante il follow-up.
La maggior parte dei pazienti trattati con farmaci di studio con al momento di PCI è rimasta in trattamento col farmaco in studio nel periodo peri-PCI; il 19% ha continuato ad assumere il farmaco di studio senza interruzione.
L'uso della terapia antiaggregante post-PCI era variabile, sebbene la maggior parte dei pazienti abbia ricevuto DAPT.
Sono necessari ulteriori dati per guidare l'uso degli antitrombotici nei pazienti sottoposti a procedura PCI. ( Xagena2018 )

Kopin D et al, Am Heart J 2018; 197: 133-141

Cardio2018 Farma2018


Indietro