Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Inefficacia del Valsartan nella prevenzione della fibrillazione atriale ricorrente


La fibrillazione atriale è la forma più comune di aritmia cardiaca e non esiste attualmente una terapia ideale per il controllo di questa condizione.
Studi sperimentali suggeriscono che i bloccanti il recettore dell’angiotensina II possono influenzare il rimodellamento atriale e alcuni studi clinici suggeriscono che potrebbero prevenire la fibrillazione atriale.

I ricercatori del gruppo GISSI-AF hanno condotto un ampio studio randomizzato, prospettico, placebo-controllato e multicentrico per verificare se Valsartan ( Diovan, Tareg ), un sartano, fosse in grado di ridurre la ricorrenza della fibrillazione atriale.

Sono stati arruolati pazienti in ritmo sinusale, ma che avevano avuto due o più episodi documentati di fibrillazione atriale negli ultimi 6 mesi o cardioversione per fibrillazione atriale con esito positivo nelle ultime 2 settimane.

Per essere considerati idonei per lo studio i pazienti dovevano anche avere una sottostante patologia cardiaca, diabete o dilatazione atriale sinistra.
I pazienti sono stati assegnati a ricevere Valsartan oppure placebo.

I due end point primari erano il tempo alla prima ricorrenza di fibrillazione atriale e la proporzione di pazienti con più di una ricorrenza nel corso di un anno.

Sono stati inclusi nello studio 1.442 pazienti.
È stata osservata recidiva di fibrillazione atriale nel 51,4% dei pazienti ( 371/722 ) del gruppo Valsartan rispetto al 52,1% dei pazienti ( 375/720 ) del gruppo placebo ( hazard ratio aggiustato, HR=0.97; P=0.73 ).

In 194 dei 722 pazienti ( 26,9% ) nel gruppo Valsartan e in 201 dei 720 ( 27,9% ) del gruppo placebo ( odds ratio aggiustato, OR=0.89; P=0.34 ) si è verificato più di un episodio di fibrillazione atriale.

I risultati sono stati simili in tutti i sottogruppi predefiniti di pazienti, incluso quello delle persone che non avevano ricevuto Ace inibitori.

In conclusione il trattamento con Valsartan non è risultato associato a una riduzione dell’incidenza della ricorrenza di fibrillazione atriale. ( Xagena2009 )

GISSI-AF Investigators, Disertori M et al, N Engl J Med 2009; 360: 1606-1617


Cardio2009 Farma2009


Indietro