52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Incidenza di apnea del sonno e associazione con fibrillazione atriale in una popolazione non-selezionata con pacemaker: risultati dello studio osservazionale RESPIRE


I pazienti con fibrillazione atriale spesso hanno apnea notturna, ma la diagnosi di apnea del sonno, anche nota come apnea notturna, con polisonnografia è costosa.
Il monitoraggio della apnea del sonno è una funzione del pacemaker che misura l'indice di disturbo respiratorio, la somma degli eventi respiratori anormali divisa per la durata del sonno.

Lo scopo dello studio è stato quello di valutare l'incidenza e la gravità delle apnee del sonno e l'associazione con la fibrillazione atriale in una popolazione non-selezionata dotata di pacemaker.

RESPIRE ( REgistry of Sleep APnea monItoring and Atrial Fibrillation in pacemakeR pazients ) è uno studio multicentrico, internazionale, osservazionale, in aperto, che ha riguardato soggetti adulti per 18 mesi dopo l'impianto di un pacemaker bicamerale abilitato al monitoraggio dell'apnea del sonno.

L'apnea del sonno, forma grave, è stata definita come indice di disturbo respiratorio medio di 20 o superiore dall'impianto alla visita di follow-up.

Il primo endpoint co-primario era la differenza di fibrillazione atriale significativa ( episodi cumulativi di fibrillazione atriale della durata di 24 ore o superiore per 2 giorni consecutivi ) tra i soggetti con apnea del sonno grave e quelli con forma non-grave a 12 mesi nel set completo di analisi ( n= 553 ).
Il secondo endpoint co-primario era il tasso di eventi avversi gravi maggiori a 18 mesi nel set intent-to-treat ( ITT ) modificato ( n = 1024 ).

La forma grave di apnea del sonno è stata rilevata nel 31.1% ( 172 su 553 ).

Una maggiore, significativa, incidenza di fibrillazione atriale è stata riportata nei pazienti con grave apnea del sonno rispetto ai pazienti con forma non-grave di apnea del sonno ( 25.0% vs 13.9%; differenza 11.1%; intervallo di confidenza [ IC ] 95% 3.7–18.4%; P = 0.002 ).

Una fibrillazione atriale significativa è aumentata con il tempo in entrambi i gruppi, ma a un ritmo più veloce nel gruppo grave apnea del sonno.

Non è stata osservata alcuna differenza tra i gruppi nel tasso complessivo di eventi avversi gravi maggiori ( P = 0.065 ).

In conclusione, lo screening della apnea del sonno per 12 mesi ha identificato la forma grave di apnea del sonno in quasi un terzo dei pazienti non-selezionati dotati di pacemaker.
La forma grave di apnea del sonno è associata a maggiore incidenza di significativa fibrillazione atriale. ( Xagena2020 )

Marti-Almor J et al, Heart Rhythm 2020; 17: 195-202

Cardio2020 Neuro2020



Indietro