Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Fibrillazione atriale: uso concomitante della terapia antiaggregante con Dabigatran e Warfarin


Lo studio RE-LY ( Randomized Evaluation of Long-term Anticoagulation Therapy ) ha dimostrato che Dabigatran etexilato 150 mg due volte al giorno era superiore, e Dabigatran etexilato 110 mg due volte al giorno era non inferiore al Warfarin ( Coumadin ) nella prevenzione di ictus e di embolia sistemica nei pazienti con fibrillazione atriale.

In una analisi di sottogruppo è stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Dabigatran ( Pradaxa ) nei pazienti che hanno o non-hanno ricevuto farmaci antipiastrinici in modo concomitante.

Su 18.113 pazienti, 6.952 ( 38.4% ) hanno ricevuto Aspirina o Clopidogrel concomitanti in qualche momento nel corso dello studio.

Dabigatran etexilato 110 mg due volte al giorno è risultato non-inferiore al Warfarin nel ridurre ictus ed embolia sistemica, sia nel caso in cui i pazienti avessero ricevuto antipiastrinici ( hazard ratio, HR=0.93 ) sia nel caso non li avessero ricevuti ( HR=0.87; P interazione=0.738 ).

Si sono verificati meno sanguinamenti maggiori rispetto al Warfarin in entrambi i sottogruppi ( HR=0.82 per i pazienti che hanno utilizzato antipiastrinici; HR=0.79 per i pazienti che non hanno utilizzato antipiastrinici; P interazione=0.794 ).

Dabigatran etexilato 150 mg due volte al giorno ha ridotto l'endpoint primario di ictus e di embolia sistemica rispetto al Warfarin.

Questo effetto è apparso attenuato tra i pazienti che hanno utilizzato antipiastrinici ( HR=0.80 ), rispetto a quelli che non ne hanno fatto uso ( HR=0.52; P interazione=0.058 ).

I sanguinamenti maggiori sono risultati simili al Warfarin a prescindere dall'uso dei farmaci antipiastrinici ( HR=0.93 per i pazienti che hanno utilizzato antipiastrinici; HR=0.94 per i pazienti che non hanno utilizzato antipiastrinici; P interazione=0.875 ).

Nell'analisi dipendente dal tempo, l'uso concomitante di un singolo antiaggregante è sembrato aumentare il rischio di sanguinamento maggiore ( HR=1.60 ).

La doppia terapia antiaggregante è sembrata aumentare ancora di più il rischio ( HR=2.31 ).

I rischi assoluti sono stati più bassi con Dabigatran etexilato 110 mg due volte al giorno rispetto a Dabigatran etexilato 150 mg due volte al giorno oppure Warfarin.

In conclusione, farmaci antipiastrinici, assunti in modo concomitante, sembrano aumentare il rischio di sanguinamento maggiore nello studio RE-LY senza influenzare i vantaggi del Dabigatran rispetto a Warfarin.
La scelta fra Dabigatran etexilato 110 mg due volte al giorno e Dabigatran etexilato 150 mg due volte al giorno richiede una attenta valutazione delle caratteristiche che influenzano l'equilibrio tra benefici e danni. ( Xagena2013 )

Dans AL et al, Circulation 2013; 127: 634-640

Cardio2013 Farma2013


Indietro