Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Fibrillazione atriale, trattamento antitrombotico e invecchiamento cognitivo


È stata esaminata l'associazione della fibrillazione atriale con il declino cognitivo e la demenza in età avanzata, ed è stato studiato il beneficio cognitivo del trattamento antitrombotico nei pazienti con fibrillazione atriale.

Uno studio di coorte basato sulla popolazione ha incluso 2.685 partecipanti senza demenza dallo studio SNAC-K ( Swedish National Study on Aging and Care in Kungsholmen ) ( Svezia ) che sono stati regolarmente esaminati dal 2001-2004 al 2010-2013.
La fibrillazione atriale è stata accertata dall'esame clinico, dall'ECG e dal registro dei pazienti.

La funzione cognitiva globale è stata valutata utilizzando la scala MMSE ( Mini-Mental State Examination ).
Sono stati seguiti i criteri del DSM-IV per la diagnosi di demenza, i criteri NINDS-AIREN ( National Institute of Neurological Disorder and Stroke and Association Internationale pour la Recherché et Enseignement en Neurosciences ) per la demenza vascolare e i criteri NINCDS-ADRDA ( National Institute of Neurological and Communicative Disorders and Stroke and the Alzheimer's Disease and Related Disorders Association ) per la malattia di Alzheimer.

Sono stati identificati 243 partecipanti ( 9.1% ) con fibrillazione atriale al basale.

Durante il periodo di follow-up di 9 anni, 279 partecipanti ( 11.4% ) hanno sviluppato fibrillazione atriale e 399 ( 14.9% ) hanno sviluppato demenza.

Come variabile mutevole nel tempo, la fibrillazione atriale è risultata significativamente associata a un declino annuale più rapido alla scala MMSE ( coefficiente beta=-0.24 ) e a un aumentato hazard ratio di demenza per tutte le cause ( HR=1.40 ) e demenza vascolare e mista ( HR=1.88 ), ma non di malattia di Alzheimer ( HR=1.33 ).

Tra le persone con fibrillazione atriale prevalente o incidente, l'uso di farmaci anticoagulanti, ma non il trattamento antipiastrinico, è stato associato a un rischio ridotto di demenza del 60% ( HR=0.40 ).

La fibrillazione atriale è risultata associata a un declino cognitivo globale più rapido e a un aumentato rischio di demenza nelle persone anziane.
L'uso di farmaci anticoagulanti può ridurre il rischio di demenza nei pazienti con fibrillazione atriale. ( Xagena2018 )

Ding M et al, Neurology 2018; 91: e1732-e1740

Neuro2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro