Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Fibrillazione atriale: rischio di sanguinamento con terapia singola, doppia o tripla, con Warfarin, Aspirina e Clopidogrel


I pazienti con fibrillazione atriale spesso richiedono farmaci anticoagulanti e inibitori delle piastrine, ma i dati riguardanti il rischio di sanguinamento derivante dalla terapia combinata sono limitati.

E' stato eseguito uno studio di coorte, utilizzando i registri nazionali danesi, per identificare tutti i pazienti sopravvissuti alla prima ospedalizzazione per fibrillazione atriale nel periodo 1997-2006, e la terapia assegnata post ricovero con Warfarin ( Coumadin ), Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ), Clopidogrel ( Plavix ), e combinazioni di questi farmaci.

In totale, 82.854 pazienti su 118.606 ( 69.9% ) sopravvissuti al ricovero per fibrillazione atriale hanno avuto almeno una prescrizione di Warfarin, Aspirina o Clopidogrel dopo la dimissione.

Durante un follow-up medio di 3.3 anni, 13.573 pazienti ( 11.4% ) hanno manifestato episodi di sanguinamento non-fatale o fatale.

Il tasso di incidenza puro di sanguinamento è risultato più alto per la terapia doppia Clopidogrel-Warfarin ( 13.9% per anno-paziente ) e per quella tripla ( 15.7% per anno-paziente ).

Utilizzando come riferimento la monoterapia con Warfarin, l'hazard ratio ( HR ) per l'endpoint combinato è stato 0.93 per Aspirina, 1.06 per Clopidogrel, 1.66 per Aspirina e Clopidogrel, 1.83 per Warfarin e Aspirina, 3.08 per Warfarin e Clopidogrel e 3.70 per Warfarin, Clopidogrel e Aspirina.

In conclusione, nei pazienti con fibrillazione atriale, tutte le combinazioni di Warfarin, Aspirina e Clopidogrel sono risultate associate ad un aumentato rischio di sanguinamento non-fatale e fatale.
La doppia terapia Warfarin e Clopidogrel e la tripla terapia Warfarin, Clopidogrel e Aspirina hanno determinato un rischio di sanguinamento 3 volte superiore rispetto alla monoterapia con Warfarin. ( Xagena2010 )

Hansen ML et al, Arch Intern Med 2010; 170: 1433-1441


Cardio2010 Farma2010


Indietro