Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Fattori di rischio per ictus e tromboembolismo in relazione all'età tra i pazienti con fibrillazione atriale


Secondo le ultime linee guida europee sulla gestione della fibrillazione atriale non-valvolare, tutti i pazienti di età pari o superiore a 65 anni dovrebbero essere trattati con terapia anticoagulante orale ( se non controindicato ).
Pertanto, i fattori di rischio per l'ictus dovrebbero essere studiati esclusivamente nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare di età inferiore a 65 anni.

Sono stati identificati pazienti provenienti da quattro ospedali con diagnosi di fibrillazione atriale non-valvolare tra il 2000 e il 2010.

I tassi di eventi di ictus / tromboembolismo sono stati calcolati in base alle classi di età ( ad esempio, inferiore a 65 anni, 65-74 anni, e pari o superiore a 75 anni ).
anni.

E’ stato esaminato l'effetto dell'aggiunta della malattia vascolare al punteggio CHADS2 ( insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età pari o maggiore di 75 anni, diabete mellito, ictus precedente ).

Tra i 6.438 pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare, 2.002 ( 31.1% ) avevano un’età inferiore a 65 anni.

Nei pazienti senza fattori di rischio CHADS2 che non sono stati trattati con terapia anticoagulante ( n=1.035 ), il tasso di ictus / tromboembolismo per 100 anni-persona è stato di 0.23, 2.05 e 3.99 in quelli, rispettivamente, di età inferiore a 65 anni, tra 65 e 74 e di 75 anni o più.

Insufficienza cardiaca, precedente ictus e malattia vascolare sono risultati significativamente associati a un aumentato rischio di ictus / tromboembolismo nelle analisi sia univariate che multivariate, e la malattia vascolare ha migliorato significativamente la capacità predittiva del punteggio CHADS2 ( miglioramento netto di riclassificazione, NRI, 0.40; IDI, 0.031 ).

In conclusione, i pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare di età pari o maggiore a 65 anni hanno tassi di eventi che giustificano un anticoagulante orale.
Nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare di età inferiore a 65 anni, il rischio di ictus / tromboembolismo è aumentato in modo indipendente dalla presenza di scompenso cardiaco, ictus pregresso o malattia vascolare.
Come proposto nel nuovo punteggio CHA2DS2-VASc ( insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età pari o maggiore a 75 anni, diabete, pregresso ictus, malattia vascolare, età 65-74 anni, categoria di sesso femminile ), la stratificazione del rischio di ictus attraverso il punteggio CHADS2 può essere migliorata con l'aggiunta dell'età da 65 a 74 anni e della malattia vascolare. ( Xagena2012 )

Olesen JB et al, Chest 2012; 141: 147-153


Cardio2012



Indietro