52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Esiti periprocedurali degli anticoagulanti orali diretti versus Warfarin nella fibrillazione atriale non-valvolare


Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) stanno superando il Warfarin ( Coumadin ) come anticoagulanti di scelta per la prevenzione dell'ictus nella fibrillazione atriale non-valvolare.
I risultati degli anticoagulanti orali diretti in ambito elettivo periprocedurale non sono stati ben chiariti e rimangono fonte di preoccupazione per i clinici.
Una meta-analisi ha valutato la sicurezza e l'efficacia periprocedurale degli anticoagulanti orali ad azione diretta rispetto a Warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare.

È stata esaminata la letteratura per i dati da studi controllati randomizzati di fase III che hanno confrontato gli anticoagulanti orali diretti con Warfarin nel periodo periprocedurale nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare.
Sono stati inclusi nella meta-analisi sottostudi di 4 studi ( RE-LY, Randomized Evaluation of Long-Term Anticoagulation Therapy; ROCKET AF, Rivaroxaban Once Daily Oral Direct Factor Xa Inhibitor Compared with Vitamin K Antagonism for Prevention of Stroke and Embolism Trial in Atrial Fibrillation; ARISTOTLE, Apixaban for the Prevention of Stroke in Subjects With Atrial Fibrillation; ENGAGE-AF, Effective Anticoagulation With Factor xA Next Generation in Atrial Fibrillation ).

Gli anticoagulanti orali diretti, come gruppo, e Warfarin sono stati confrontati in termini di rischio accumulato in 30 giorni per ictus / embolia sistemica, sanguinamento maggiore e morte, a seconda che il farmaco in studio fosse stato interrotto o non lo fosse stato in fase periprocedurale.

Nella strategia anticoagulante ininterrotta, non ci sono state differenze nei tassi di ictus / embolia sistemica ( rischio aggregato, 0.6%, 29 eventi su 4.519 procedure, versus 1.1%, 31 su 2.971; RR, 0.70 ) e morte ( 1.4% vs 1.8%; RR, 0.77 ) tra anticoagulanti orali diretti e Warfarin, e significativamente meno eventi emorragici maggiori ( 2.0% vs 3.3%; RR, 0.62 ) con anticoagulanti orali diretti rispetto a Warfarin.

Nella strategia interrotta, non vi è stata alcuna differenza significativa tra anticoagulanti orali diretti rispetto a Warfarin per ictus / embolia sistemica ( 0.4%, 41 su 9.260, vs 0.5%, 31 su 7.168, RR, 0.95 ), sanguinamento maggiore ( 2.1% vs 2.0%; RR, 1.05 ) e morte ( 0.7% vs 0.6%; RR, 1.24 ).

Gli studi erano omogenei ( I2=0.0% ) per tutte le associazioni aggregate calcolate ad eccezione del rischio relativo di morte nella strategia interrotta ( I2=26.3% ).

In conclusione, la sicurezza e l'efficacia a breve termine degli anticoagulanti orali ad azione diretta e Warfarin non sono diverse nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare periprocedurale.
In una strategia di anticoagulazione ininterrotta, gli anticoagulanti orali diretti sono risultati associati a un rischio inferiore del 38% di sanguinamento maggiore rispetto al Warfarin. ( Xagena2018 )

Nazha B et al, Circulation 2018; 138: 1402-1411

Cardio2018 Farma2018


Indietro