52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Efficacia, sicurezza ed esiti di ablazione transcatetere della fibrillazione atriale nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata


Uno studio si è posto l’obiettivo di esaminare l'efficacia e la sicurezza della ablazione transcatetere per la fibrillazione atriale nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFPEF ).
La fibrillazione atriale è un fattore che provoca deterioramento clinico della insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata.

L’ablazione transcatetere della fibrillazione atriale è stata eseguita in 74 pazienti consecutivi con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata compensata ( frazione di eiezione ventricolare sinistra maggiore [ FEVS ] del 50% ).

Sono stati studiati la probabilità di assenza di fibrillazione atriale dopo l’ablazione transcatetere e i fattori relativi al mantenimento del ritmo sinusale.

Lo strain ( sovraccarico ) ventricolare sinistro e lo strain rate ( tasso di deformazione ) sono stati valutati mediante ecocardiografia al basale e 12 mesi dopo l'ablazione.

Durante un periodo di follow-up di 34 mesi, i tassi di successo di procedure singole e multiple, senza farmaci, sono stati, rispettivamente, del 27% ( n=20 ) e del 45% (n=33).

Il tasso di successo di procedure multiple, con ausilio di farmaci, è stato del 73% (n=54).

Non si sono verificate complicanze maggiori durante il periodo di follow-up.

Il tipo di fibrillazione atriale ( diverso dalla fibrillazione atriale persistente di lunga durata ) e la mancanza di ipertensione sono risultati indipendentemente associati con il mantenimento del ritmo sinusale ( rispettivamente, hazard ratio, HR=1.81, P=0.04; HR=0.49, P=0.04 ).

Gli indici sistolici ventricolari sinistri ( frazione di eiezione ventricolare sinistra, strain ventricolare sinistro / strain rate alla sistole ) e gli indici diastolici ( E/E', rapporto di strain rate alla diastole con flusso transmitralico precoce ) sono migliorati solo nei pazienti con mantenimento del ritmo sinusale al follow-up.

In conclusione, i risultati hanno indicato che la fibrillazione atriale può essere efficacemente trattata in sicurezza con un trattamento composito di procedure ripetute e farmaci nei pazienti con scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata.
Tuttavia, lo studio è un'analisi a braccio singolo; pertanto, sono necessari grandi studi randomizzati e controllati per verificare il beneficio della ablazione in questo gruppo di soggetti. ( Xagena2013 )

Machino-Ohtsuka T et al, J Am Coll Cardiol 2013; 62: 20: 1857-1865

Cardio2013 Nefro2013 Chiru2013



Indietro