Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Disturbi respiratori nel sonno ed eccessiva sonnolenza diurna nei pazienti con fibrillazione atriale


Una conseguenza importante dei disturbi respiratori nel sonno è l'eccessiva sonnolenza diurna.

L’eccessiva sonnolenza diurna è spesso predittiva di una risposta favorevole al trattamento dei disturbi respiratori nel sonno, anche se nel contesto delle malattie cardiovascolari, e in particolare nella insufficienza cardiaca, i disturbi respiratori nel sonno e l’eccessiva sonnolenza diurna non sono correlati in modo affidabile.

La fibrillazione atriale è un'altra condizione molto diffusa, fortemente associata con i disturbi respiratori nel sonno.

Si è cercato di valutare la relazione tra eccessiva sonnolenza diurna e disturbi respiratori nel sonno tra i pazienti con fibrillazione atriale.

È stato condotto uno studio prospettico su 151 pazienti assegnati a cardioversione con corrente diretta per fibrillazione atriale, che sono stati sottoposti anche a valutazione del sonno e alla polisonnografia notturna.

La scala di sonnolenza di Epworth ( ESS ) è stata impiegata prima della polisonnografia e considerata positiva se il punteggio risultava pari a 11 o maggiore.
L'indice apnea-ipopnea ( AHI ) è stato esaminato per la correlazione con la scala di sonnolenza di Epworth, con un cut-off di 5 o più eventi-ora per la diagnosi di disturbi respiratori nel sonno.

Tra i partecipanti allo studio, l'età media era di 69.1 anni; l’indice di massa corporea ( BMI ) medio è stato di 34.1 kg/m2; il 76% dei pazienti era di sesso maschile.

La prevalenza di disturbi respiratori nel sonno in questa popolazione è stata pari all’81.4%, e il 35% aveva eccessiva sonnolenza diurna.
L'associazione tra il punteggio alla scala di sonnolenza di Epworth e l’indice apnea-ipopnea è stata bassa ( R2=0.014, P=0.64 ).

La sensibilità e la specificità della scala di sonnolenza di Epworth per la rilevazione di disturbi respiratori nel sonno in pazienti con fibrillazione atriale sono state, rispettivamente, 32.2% e 54.5%.

In conclusione, nonostante un'alta prevalenza di disturbi respiratori nel sonno in questa popolazione con fibrillazione atriale, la maggior parte dei pazienti non riporta eccessiva sonnolenza diurna.

Inoltre, una eccessiva sonnolenza diurna non sembra essere correlata con la gravità dei disturbi respiratori nel sonno o prevedere con precisione la presenza di disturbi respiratori nel sonno.

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se l'eccessiva sonnolenza diurna possa influenzare la storia naturale della fibrillazione atriale o modificare la risposta al trattamento per i disturbi respiratori nel sonno. ( Xagena2012 )

Albuquerque FN et al, Chest 2012; 141: 967-973


Cardio2012 Pneumo2012



Indietro