52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Cambiamenti nella velocità di filtrazione glomerulare e gli esiti nei pazienti con fibrillazione atriale


I pazienti con malattia renale hanno maggiore probabilità di sviluppare fibrillazione atriale rispetto agli individui con funzione renale normale e più probabilità di soffrire di ictus ischemico / tromboembolismo.

E' stato studiato il rapporto tra evoluzione della funzione renale e ictus ischemico / tromboembolismo, mortalità e sanguinamento nei pazienti con fibrillazione atriale.

In una coorte di 8962 pazienti affetti da fibrillazione atriale, 2653 avevano dati sulla creatinina sierica, con 10894 pazienti-anno di follow-up.
I pazienti sono stati stratificati in quartili di velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) ( ml/min per 1.73 m2/anno ).

I tassi di eventi ( ictus ischemico / tromboembolismo, sanguinamento, mortalità ) sono aumentati con il peggioramento di eGFR nei quartili.

Il rischio di eventi è risultato particolarmente aumentato quando i pazienti nel 4°quartile sono stati confrontati con gli altri quartili.

L'insufficienza renale di per sé non era un predittore indipendente di ictus ischemico / tromboembolismo, ma era un predittore indipendente di sanguinamento, mentre il peggioramento di eGFR era un predittore indipendente sia per l'ictus ischemico / tromboembolismo ( hazard ratio [ HR ] 1.57, IC 95%: 1.16-2.13 per i pazienti nell'ultimo quartile ) sia per gli eventi di sanguinamento ( HR 1.54, IC 95% 1.15-2.00 ).

Il peggioramento di eGFR non ha migliorato la capacità predittiva dei punteggi CHA2DS2VASc e HAS-BLED per identificare un rischio più elevato di ictus ischemico / tromboembolismo o di eventi emorragici, rispettivamente.

Quando il beneficio della riduzione dell'ictus ischemico era bilanciato nei confronti dell'aumento del rischio di eventi emorragici, il beneficio clinico netto è risultato positivo a favore dell'uso degli anticoagulanti ( versus non-uso ) nei pazienti con peggioramento di eGFR.

In conclusione, i tassi di ictus ischemico / tromboembolismo, mortalità e sanguinamento sono aumentati con il peggioramento di eGFR superiore a 4.81 ml/min/1.73 m2.
E' emerso che il peggioramento di eGFR era un predittore indipendente di ictus ischemico / tromboembolismo e di sanguinamento, e un migliore predittore di ictus / tromboembolismo rispetto alla compromissione renale nella fibrillazione atriale. ( Xagena2018 )

Fauchier L et al, JAHA 2018; 198: 39-45

Cardio2018 Nefro2018 Neuro2018



Indietro