American Heart Association
GICR - Congresso
ACC Meeting

Effetto del diabete e del controllo glicemico sul rischio di ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale


Il diabete mellito diagnosticato è un fattore di rischio costantemente documentato per l'ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale.
Uno studio ha valutato l'associazione tra la durata del diabete e l’emoglobina A1c elevata ( HbA1c ) con il rischio di ictus tra i pazienti diabetici con fibrillazione atriale.

Questa associazione è stata valutata nella coorte dello studio ATRIA ( Anticoagulation and Risk Factors in Atrial Fibrillation ) basata sulla comunità di pazienti della California con fibrillazione atriale ( dal 1996 al 2003 ), dove tutti gli eventi sono stati giudicati dai clinici.

È stato stimato il tasso di ictus ischemico nei pazienti diabetici in base a misure variabili nel tempo di durata stimata del diabete ( 3 anni e oltre rispetto a meno di 3 anni ) e ai valori di HbA1c ( 9.0% e oltre e da 7.0% a 8.9% rispetto a meno del 7.0% ), concentrandosi sui periodi in cui i pazienti non erano in terapia con anticoagulanti.

Nell'analisi di durata sono stati inclusi 2.101 pazienti diabetici: il 40% con durata inferiore a 3 anni e il 60% con durata uguale o superiore a 3 anni al basale.

Tra i 1.933 pazienti diabetici inclusi nell'analisi dell’emoglobina glicata, il 46% aveva HbA1c inferiore al 7.0%, il 36% tra 7.0% e 8.9%, e il 19% uguale o superiore al 9.0% al basale.

Una durata del diabete mellito uguale o superiore a 3 anni è risultata associata a un aumentato tasso di ictus ischemico rispetto a una durata inferiore a 3 anni ( hazard ratio, HR=1.74 ).

L’aumento del tasso di ictus è stato osservato negli individui anziani ( età di 75 anni e oltre ) e nei giovani ( età inferiore a 75 anni ).

Né lo scarso controllo glicemico ( HbA1c uguale o maggiore del 9.0%, HR aggiustato ) né il moderato aumento di emoglobina glicata ( da 7.0% a 8.9%, HR aggiustato: 1.21 ) sono risultati significativamente associati a un aumento del tasso di ictus ischemico rispetto ai pazienti che avevano HbA1c inferiore al 7.0%.

In conclusione, la durata del diabete mellito è un fattore predittivo importante di ictus ischemico rispetto al controllo glicemico nei pazienti che hanno diabete e fibrillazione atriale. ( Xagena2016 )

Ashburner JM et al, J Am Coll Cardiol 2016; 67: 239-247

Cardio2016 Neuro2016 Endo2016



Indietro