Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Un eccesso di EPA potrebbe rappresentare un fattore precipitante della fibrillazione atriale


Il favorevole effetto dell’olio di pesce ricco di acido grassi polinsanturi Omega-3 ( PUFA ) sullo sviluppo della fibrillazione atriale è controverso.
La relazione tra le concentrazioni sieriche di PUFA Omega-3 e l’incidenza di fibrillazione atriale non è ben definita.
Pertanto è stato compiuto uno studio per esaminare meglio questo rapporto.

Sono state valutate le concentrazioni sieriche di PUFA Omega-3 in 110 pazienti con fibrillazione atriale, in 46 pazienti con cardiopatia ischemica e senza questa aritmia, e 36 volontari sani.

Dei 110 pazienti con fibrillazione atriale 36 presentavano anche cardiopatia ischemica ( gruppo FA-CAD ) mentre 74 non soffrivano di ischemia ( gruppo FA ).

I livelli di Acido Eicosapentaenoico ( EPA ) nel gruppo solo fibrillazione atriale erano più elevati rispetto a quelli del gruppo fibrillazione atriale e cardiopatia ischemica e a quelli dei gruppi di controllo ( in media, 117, 76, e 68 mcg/ml, rispettivamente ).

Anche i livelli di Acido Docosaesaenoico ( DHA ) hanno mostrato lo stesso pattern ( in media, 170, 127, e 126 mcg/ml, rispettivamente ).

In entrambi gruppi i livelli di EPA nei pazienti con fibrillazione atriale persistente e permanente erano più alti rispetto ai pazienti con fibrillazione atriale parossistica ( in media, gruppo FA: 131 vs 105 mcg/ml; gruppo FA-CAD 82 vs 70 mcg/ml ).

L'analisi multivariata ha mostrato che i casi di fibrillazione atriale erano associati ad alti livelli di EPA ma non di DHA.

In questo studio che ha riguardato popolazione giapponese, i livelli di EPA e di DHA nei pazienti con solo fibrillazione atriale erano superiori a quelli nei soggetti normali. In particolare, il livello di EPA era associato all'incidenza di fibrillazione atriale.

I risultati dello studio fanno ipotizzare che un eccesso di EPA potrebbe rappresentare un fattore precipitante di fibrillazione atriale. ( Xagena2013 )

Tomita T et al, Heart Vessels 2013; 28: 497-504

Cardio2013



Indietro