Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Rischi associati alla terapia di combinazione Acido Acetilsalicilico e anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale


Il ruolo della terapia concomitante con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina; ASA ) nei pazienti con fibrillazione atriale che ricevono una terapia con anticoagulanti orali non è ben definito.
È stato valutato l'uso concomitante della Aspirina e la sua associazione con gli esiti clinici tra i pazienti con fibrillazione atriale trattati con anticoagulanti orali.

Il Registro ORBIT-AF ( Outcomes Registry for Better Informed Treatment of Atrial Fibrillation ) ha arruolato 10.126 pazienti con fibrillazione atriale negli Stati Uniti nel periodo 2010-2011.
La popolazione dello studio è stata limitata ai soggetti trattati con anticoagulanti orali ( n=7.347 ).
Sono stati valutati i fattori associati alla terapia concomitante con Aspirina.

Gli esiti primari erano sanguinamento a 6 mesi, ospedalizzazione, eventi ischemici e mortalità.

Complessivamente, il 35% dei pazienti con fibrillazione atriale ( n=2.543 ) trattati con anticoagulanti orali ha ricevuto anche Aspirina.

I pazienti trattati con anticoagulanti orali più Aspirina hanno avuto più probabilità di essere di sesso maschile ( 66% vs 53%; P minore di 0.0001 ) e hanno avuto più comorbidità di quelli trattati solo con anticoagulanti orali.

Più di un terzo dei pazienti ( 39% ) trattati con anticoagulanti orali più Aspirina non ha avuto una storia di malattia aterosclerotica, ma il 17% ha avuto elevati punteggi di rischio di sanguinamento ATRIA ( Anticoagulation and Risk Factors in Atrial Fibrillation ) ( maggiore o uguale a 5 ).

Il sanguinamento maggiore ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.53 ) e i ricoveri per sanguinamento ( aHR=1.52 ) sono risultati significativamente più alti nei pazienti trattati con anticoagulanti orali più Aspirina rispetto a quelli trattati solo con anticoagulanti orali.

I tassi di eventi ischemici erano bassi.

In conclusione, i pazienti con fibrillazione atriale che assumono anticoagulanti orali sono spesso trattati con concomitante Aspirina, anche quando non hanno malattie cardiovascolari.
L'uso di anticoagulanti orali più Aspirina è risultato associato a un significativo aumento del rischio di sanguinamento, sottolineando la necessità di determinare con attenzione se e quando i benefici del concomitante impiego di Aspirina superano i rischi nei pazienti con fibrillazione atriale già in trattamento con anticoagulanti orali. ( Xagena2013 )

Steinberg BA et al, Circulation 2013; 128: 721-728

Cardio2013 Farma2013


Indietro