Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Impatto dell’ablazione della fibrillazione atriale cronica sulle funzioni cardiache meccaniche ed endocrine


Ricercatori dell’Università di Bordeaux in Francia hanno valutato l’impatto della fibrillazione atriale persistente/permanente sulle funzioni cardiache endocrine e meccaniche.

Lo studio ha riguardato 43 pazienti ( di cui 40 maschi, di età media 53 anni ), che dovevano sottoporsi ad ablazione della fibrillazione atriale persistente o permanente.

Il ritmo sinusale è stato ripristinato nel 70% ( n=30 ) dei pazienti senza DC shock.

I livelli del peptide natriuretico atriale ( ANP ) si sono ridotti in modo significativo ( p
A 3 mesi, i livelli di ANP erano significativamente più bassi, rispetto a 3 giorni, raggiungendo il valore normale nel 65% dei pazienti, e valori inferiori a 7 pg/mL nel 9%.

I valori del peptide natriuretico cerebrale ( BNP ) ha seguito lo stesso trend con normali livelli nel 53% dei pazienti a 3 mesi.

Le onde di riempimento atriale all’esame ecocardiografico, eseguito tra il giorno 2 ed il giorno 4 dopo la procedura, sono state riscontrate nel 42% dei pazienti.
A 3 mesi, il 95% dei pazienti con ritmo sinusale durante l’ecocardiografia presentava una significativa onda A.

In conclusione, il ritmo sinusale, susseguente all’ablazione della fibrillazione atriale persistenteo permanente, è associato ad una sensibile riduzione dei peptidi natriuretici.
A 3 mesi è stato osservato un significativo miglioramento delle funzioni cardiache meccaniche ed endocrine. ( Xagena2008 )

Sacher F et al, Eur Heart J 2008; 29 : 1290-1295


Cardio2008


Indietro