Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Fibrillazione atriale: previsione degli esiti clinici netti a lungo termine utilizzando il punteggio TIMI-AF - Confronto con CHA2DS2-VASc e HAS-BLED


Il punteggio TIMI-AF è stato elaborato per prevedere gli esiti clinici netti ( NCO ) nei pazienti con fibrillazione atriale trattati con Warfarin ( Coumadin ).
Tuttavia, questo punteggio deriva dallo studio ENGAGE AF-TIMI 48, e non esiste alcuna validazione esterna nella pratica clinica del mondo reale.
Sono state testate le prestazioni predittive a lungo termine del punteggio TIMI-AF rispetto a CHA2DS2-VASc e HAS-BLED in una coorte reale di pazienti con fibrillazione atriale anticoagulati.

Sono stati inclusi 1.156 pazienti con fibrillazione atriale stabili trattati con antagonista della vitamina K ( INR 2.0-3.0 ) durante 6 mesi.

Il rischio di base degli esiti clinici netti ( composito di ictus, emorragia pericolosa per la vita o mortalità per tutte le cause ) è stato calcolato utilizzando il nuovo punteggio TIMI-AF.

Durante il follow-up, sono stati registrati tutti gli esiti clinici netti, e le prestazioni predittive e l'utilità clinica di TIMI-AF sono state confrontate con CHA2DS2-VASc e HAS-BLED.

Durante 6.5 anni, ci sono stati 563 eventi ( 7.49% per anno ). I pazienti a basso rischio ( 6.07% per anno ) e a medio rischio ( 9.49% per anno ) definiti dal TIMI-AF hanno sofferto più endpoint rispetto ai pazienti a basso e medio rischio definiti da CHA2DS2-VASc e da HAS -BLED ( 2.37% per anno e 4.40% per anno a basso rischio; 3.48% per anno e 6.39% per anno a medio rischio, rispettivamente ).

La prestazione predittiva di TIMI-AF non è stata diversa da CHA2DS2-VASc ( 0.678 vs 0.677; P=0.963 ) o HAS-BLED ( 0.644 vs 0.671; P=0.054 ).

Discriminazione e riclassificazione non hanno mostrato un miglioramento della previsione utilizzando il punteggio TIMI-AF, e l'analisi delle curve decisionali non ha dimostrato un maggiore beneficio netto.

In conclusione, nei pazienti con fibrillazione atriale con esperienza di uso di antagonisti della Vitamina-K, il punteggio TIMI-AF ha un'utilità limitata nella previsione degli esiti clinici netti nel corso di un periodo di follow-up a lungo termine.
Questo nuovo punteggio non è stato superiore a CHA2DS2-VASc e HAS-BLED nell’identificare pazienti con fibrillazione atriale a basso rischio. ( Xagena2018 )

Rivera-Caravaca JM et al, Am Heart J 2018; 197: 27-34

Cardio2018 Farma2018


Indietro