CardioPreventariab.it
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

FGF23 è associato a fibrillazione atriale nelle malattie renali croniche


Elevati livelli del fattore di crescita dei fibroblasti 23 ( FGF23 ) sono associati a fibrillazione atriale nei pazienti con malattia renale cronica.

I livelli del fattore di crescita dei fibroblasti 23 sono elevati nella malattia renale cronica, e fortemente associati a ipertrofia ventricolare sinistra, insufficienza cardiaca e morte.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di chiarire se FGF23 fosse un fattore di rischio indipendente per la fibrillazione atriale in un contesto di malattia renale cronica.

Lo studio prospettico di coorte ha coinvolto 3.876 soggetti con malattia renale cronica da lieve a grave arruolati nel Chronic Renal Insufficiency Cohort Study ( CRIC ) tra il 2003 e il 2008, e seguiti fino al 2013.
L’età media dei partecipanti era di 57.7 anni, e il 44.8% ( 1.736 su 3.876 ) era di sesso femminile.

Livelli elevati di FGF23 sono risultati indipendentemente associati a una maggiore probabilità di fibrillazione atriale prevalente ( n=660 ) dopo aggiustamento per fattori cardiovascolari e specifici per insufficienza renale cronica ( odds ratio del quartile più alto vs più basso di FGF23, 2.30; P minore di 0.001 per trend lineare tra tutti i quartili ).

Durante un follow-up mediano di 7.6 anni, 247 dei 3.216 partecipanti che erano a rischio hanno sviluppato fibrillazione atriale incidente ( 11.9 eventi per 1.000 anni-persona ).

Elevati livelli di FGF23 sono stati indipendentemente associati ad aumentato rischio di fibrillazione atriale incidente dopo aggiustamento per fattori demografici, cardiovascolari e specifici dell’insufficienza renale cronica, e altri marcatori del metabolismo minerale ( hazard ratio, HR di più alto vs più basso quartile di FGF23, 1.59; P=0.02 per trend lineare tra i quartili ).

I risultati sono rimasti invariati quando si è ulteriormente corretto per la frazione di eiezione, ma i singoli aggiustamenti per indice di massa ventricolare sinistra, area atriale sinistra, ed eventi di insufficienza cardiaca hanno parzialmente attenuato l’associazione tra elevati livelli di FGF23 e fibrillazione atriale incidente.

In conclusione, elevati livelli di FGF23 sono risultati indipendentemente associati a fibrillazione atriale prevalente e incidente in pazienti con insufficienza renale cronica da lieve a grave.
L'effetto può essere parzialmente mediato da un percorso di disfunzione diastolica che include ipertrofia ventricolare sinistra, allargamento atriale ed eventi di insufficienza cardiaca. ( Xagena2016 )

Mehta et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 548-556

Cardio2016 Nefro2016



Indietro