ACC Meeting
GICR - Congresso
American Heart Association

Esiti avversi nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia arteriosa periferica


L’arteriopatia periferica è molto diffusa nella popolazione generale. I dati sulla prevalenza di malattia arteriosa periferica sintomatica nei pazienti con fibrillazione atriale sono limitati, e l'impatto della arteriopatia periferica sugli esiti avversi nei pazienti con fibrillazione atriale è controverso.

Uno studio ha cercato di definire la prevalenza di arteriopatia sintomatica nei pazienti con fibrillazione atriale, di descrivere i fattori di rischio clinici associati, e di stabilire il rapporto tra arteriopatia periferica e gli eventi avversi nella fibrillazione atriale, in particolare riguardo alla mortalità per qualsiasi causa.

I pazienti con fibrillazione atriale arruolati nello studio EORP-AF Pilot con dati sullo stato della arteriopatia periferica sono stati inclusi in questa analisi.
I tassi degli eventi sono stati determinati a 1 anno di follow-up.

L’arteriopatia periferica è stata registrata in 328 ( 11% ) pazienti.

L’età ( P inferiore a 0.0001 ), l’ipertensione ( P=0.0059 ), il diabete mellito ( P=0.0001 ), l’insufficienza cardiaca cronica ( P inferiore a 0.0001 ), un precedente ictus / attacco ischemico transitorio [ TIA ] ( P= 0.0060 ), e il trattamento con farmaci antiaggreganti ( P =0.0001 ) sono risultati associati alla presenza di arteriopatia periferica, mentre il sesso femminile era inversamente associato ( P=0.0002 ).

I pazienti con malattia arteriosa periferica avevano più alti tassi assoluti sia di morte cardiovascolare sia di morte per qualsiasi causa ( entrambi P inferiore a 0.0001 ).

All’analisi di Kaplan-Meier, il rischio di mortalità per tutte le cause era maggiore nei pazienti con malattia arteriosa periferica, rispetto a quelli senza arteriopatia periferica ( P inferiore a 0.0001 ), ma l’arteriopatia periferica non è emersa come un fattore di rischio indipendente di mortalità all’analisi di regressione di Cox.

Un minor rischio di mortalità per tutte le cause era associato alla prescrizione di statine ( P=0.0019 ), inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina [ Ace inibitori ] ( P=0.0008 ), e calcioantagonisti ( P =0.0071 ).

In conclusione, l’arteriopatia periferica è prevalente nell’11% dei pazienti con fibrillazione atriale ed è correlata a diversi fattori di rischio aterosclerotici.
Anche se l’arteriopatia coronarica è associata a un più alto rischio di mortalità per qualsiasi causa all’analisi univariata, questo rischio è risultato significativamente ridotto e non era più evidente dopo aggiustamento per l'impiego di farmaci per la prevenzione cardiovascolare. ( Xagena2016 )

Proietti M et al, Europace 2016; Epub ahead of print

Cardio2016



Indietro